Biografia di Loris Clocchiatti.

E’ una storia di uomini profondamente legati alla terra, alla natura, a tutto ciò che pianta solide radici, fondamenta.

Le stesse radici del trisnonno Leopoldo che lavorava il legno, del bisnonno Pio che, nel 1913, costruì la casa nella quale è nato anche Loris Clocchiatti: una casa in sasso, legno, calce spenta, materiali naturali per eccellenza.

La scelta di continuare la tradizione di famiglia e di costruire con criteri di ecosostenibilità, è stata diretta conseguenza di questa storia, testimoniata dalla prima realizzazione di Loris che risale al 1985.

Allora si parlava solo di bioedilizia, ovvero dell’utilizzo di materiali più naturali, ma a Loris,  è subito parsa essere una limitazione. Desiderava un approccio più programmatico, più olistico. Anche quando il mercato era meno attento e sensibile alla salubrità dell’habitat domestico, studiava già quali avrebbero potuto essere le soluzioni ottimali per garantire massima qualità, gusto estetico e rispetto della natura. Così ha deciso che qualsiasi realizzazione si sarebbe ispirata a due valori cardine: l’Uomo e la Natura; ovvero avrebbe sempre applicato i principi della Bioarchitettura ed utilizzato materiali rinnovabili e/o naturali nelle sue realizzazioni.
Per questo motivo ha brevettato un nuovo sistema costruttivo HOMEPLUS, declinato dai sistemi costruttivi medievali e ingegnerizzato con le più avanzate tecnologie moderne. Un sistema estremamente flessibile, non limitante, che permette di proporre soluzioni personalizzate (unico modo per poter effettivamente applicare i concetti di bioarchitettura), estremamente sicure, antisismiche, e che testimoniano l’alto gusto estetico italiano.

Le radici di oggi partono da lontano. Sono quelle che hanno guidato Loris Clocchiatti in questi 30 anni di attività portandolo ad essere uno dei maggiori esperti italiani in costruzioni di alta qualità eco-sostenibili off-grid.

DSC_3939

  • 1913: Il bisnonno Pio costruisce la casa di famiglia con materiali naturali per eccellenza: sasso, legno e calce spenta (a tutt’oggi un luogo di incontro familiare);
  • 1985: Loris Clocchiatti costruisce la sua prima casa in Bioarchitettura ed Antisismica;
  • 1994: inizia la progettazione e costruzione di ville ed immobili vari ad alto risparmio energetico con sistema strutturale brevettato (circa 500 immobili);
  • 1994: strutture in legno sistema brevettato;
  • 2000: Restauro de La Brunelde Domus Magna. La passione per la propria terra implica una profonda conoscenza della sua storia;
  • 2002: brevetto del sistema Casa Zero Energy (premio Focus invenzione dell’anno);
  • 2006: benessere, attenzione all’ambiente e risparmio energetico anche nel mondo del lavoro nasce: Spazio Palladio;
  • 2006: presentazione progetto Stadium Plus primo stadio Italiano Ecosostenibile;
  • 2007: inaugurazione azienda agricola Pitars, prima costruzione in Italia di azienda Vinicola in Bioarchitettura;
  • 2007: apertura cantiere Progetto di ricerca Casa Zero Energy;
  • 2008: completamento restauro “Castello di Kamering” Austria, esempio massimo di restauro conservativo con tecnologie Ecosostenibili;
  • 2008: casa Zero Energy è al convegno mondiale sulle costruzioni ecosostenibili a Melbourne (Australia);
  • 2009: casa Zero Energy viene selezionata dal Premio Innovazione Amica dell’Ambiente di Legambiente;
  • 2010: inaugurazione Casa Zero Energy;
  • 2010: casa Zero Energy è al convegno mondiale sulle Energie Rinnovabili a Yokohama (Giappone);
  • 2011: casa Zero Energy è al summit mondiale sulla riduzione delle emissioni di CO2 a Dalian (Cina).